Anche in Valdera al via “maturità sicura”, le bufale e credenze a cui non credere

Barbara Strappato dirigente della Polizia Postale, in occasione del lancio della campagna di sensibilizzazione “Maturità al sicura” lanciata lancia l’apello di fare attenzione alle false notizie e invitando a non perdere tempo a dar seguito alle false notizie che vorrebbero pubblicate in rete le prove di esame. Secondo il monitoraggio effettuato su circa 3.000 studenti da ‘skuola.net’ uno studente su sei crede di poter trovare su internet le tracce delle prove d’esame, mentre uno su cinque  e’ convinto che la polizia controlli i cellulari per scoprire chi sta copiando. Il 42% teme di poter essere perquisito dai professori, il 19% crede che la scuola sara’ schermata per impedire ai cellulari di connettersi a internet. L’8% si aspetta addirittura di trovare i commissari d’esame dotati di particolari dispositivi di rilevamento magnetico degli smartphone. Forse studiare, è la cosa più intelligente a cui credera.

Menu