Bandiera arcobaleno in Municipio, scoppia la polemica

CALCINAIA. Non va a genio all’opposizione il gesto di solidarietà messo in atto dal Sindaco Alderigi. Il Comune di Calcinaia ha scelto di esporre la bandiera arcobaleno sul balcone del Municipio per testimoniare vicinanza e piena solidarietà al ragazzo che nella notte di Sabato 11 Gennaio è stato aggredito in un disco-pub di Altopascio con l’unica motivazione di essere omosessuale.

Marco Buggiani della Lega, capogruppo di Centrodestra per Calcinaia, ritiene che la bandiera arcobaleno esposta in Municipio sia “un fatto gravissimo in quanto l’esposizione negli edifici pubblici di bandiere di partito o di associazioni o di movimenti o di bandiere della pace, o altro che non siano le bandiere previste dalla normativa vigente, viola il principio di neutralità delle sedi istituzionali, che costituisce sacro principio democratico”.

Il consigliere d’opposizione fa sapere di essersi mosso, “abbiamo inviato una diffida al Sindaco a togliere immediatamente la bandiera arcobaleno che inequivocabilmente richiama il movimento dei diritti Lgbt e che viola le norme in materia di esposizione delle bandiere istituzionali”. Inoltre Buggiani ci riferisce di aver segnalato la questione al Prefetto e spera per questo in un suo intervento.
“Questa amministrazione non è nuova all’utilizzo dei mezzi istituzionali per il mero scopo propagandistico del Sindaco e della Giunta comunale” tuona Buggiani.

Dalla Presidente dell’Unione Valdera, Arianna Cecchini, il messaggio che arriva è differente “Abbiamo esposto le bandiere arcobaleno sulla facciata dei nostri municipi per solidarizzare con il giovane che è stato vittima di questa aggressione e con tutti coloro che sono stati coinvolti nella rissa per difenderlo. Si tratta di un gesto simbolico con cui vogliamo ribadire che le nostre comunità sono inclusive e non accettano discriminazioni di sorta”.
M.S

Category: Politica
Tags: , , , , ,
Menu