Il vero Sanremo si vince in radio

PONSACCO. Ieri sera, o per meglio dire durante la notte tra sabato e domenica si è chiusa la 70esima edizione del Festival di Sanremo. Abbiamo raggiunto un addetto ai lavori, Michele Vestri speaker storico e attualmente in voce a Radio Cuore, a cui abbiamo chiesto un parere sull’evento terminato da poche ore:

“come al solito Sanremo si divide in due parti, -dice Vestri – una è dedicata al gossip, l’altra e alla musica, anche quest’anno così è stato. Di effetti a sorpresa ce ne sono stati e sono quelli  che rimarranno nella storia”.

“Ricordo per esempio Pippo Baudo eroe, in aiuto del disoccupato che voleva gettarsi dal balconcino dell’Ariston, Celentano che volta le spalle al pubblico, Vasco Rossi che fa capire chiaramente che cantava in playbeck, la farfallina di Belen“.

“Quest’anno abbiamo abbondato – dice Vestri – già rivedere la coppia: Al Bano Romina insieme sul palco dell’Ariston, è stato un simpatico momento, come il ritorno a 4 dei Ricchi e Poveri, poi il litigio tra Morgan e Bungo, le provocazioni approvate di Achille Lauro che regna su Sanremo con la Regina Elisabetta; anche se la cosa che lascia il segno indelebile nella manifestazione e che porta con se 1000 significati è il bacio sulla bocca tra Fiorello e Tiziano Ferro, quello è stato uno dei gesti più forti che la manifestazione canora poteva lasciare al tempo”.

“Per quanto riguarda le canzoni – continua Vestri – abbiamo avuto un paniere di proposte omogenee. La direzione artistica, penso, in virtù dei dati di ascolto, ha selezionato brani che accontentassero i più diversi gusti, cercando di richiamare l’attenzione anche dei più giovani. Fatto è – prosegue lo speaker – che io tifavo Gabbani, non ho sbagliato di molto, d’altra parte il carrarino, aveva già vinto tra i giovani e tra i big l’anno successivo, improbabile l’ennesima conferma”.

Come avevo detto ai colleghi a Radio Cuore, – prosegue Vestri – Gabbani non vincerà, ma arriverà vicino, come ho già notato dal momento dell’uscita del brano: Viceversa, questo è uno dei brani più suonati insieme alla canzone di Irene Grandi. La storia lo insegna – conferma lo speaker – sarà come al solito la radio a determinare il vero vincitore.

“Ha vinto Diodato a Sanremo, canzone che racchiude  tutti gli ingredienti tipici richiesti dalla manifestazione ligure, dove rivedo brani come: Angelo, di Francesco Renga  ed Elisa, Luce”.

Diodato – Fai Rumore (Sanremo 2020)

Diodato ha portato sul palco di #Sanremo2020 il nuovo emozionante brano "Fai Rumore": scoprite qui il video 🧡🎥▶︎ https://youtu.be/tPv9ZPXmFWU

Posted by Vevo on Wednesday, February 5, 2020

“Ottimo Amadeus, la sicurezza e la fermezza dimostrata nella conduzione nonostante i mille intoppi, certifica il conduttore uno dei migliori in assoluto nel panorama nazionale. Mi ha sorpreso” – conclude Michele Vestri.

Questa mattina un tweet di Jovanotti dedicato al conduttore e suo ex collega radiofonico e televisivo (vedi Rolling Stone Italia Uno) recitava: “come si dice l’hai volute la bicicletta?” con allegata una foto di una località che si perde nel cuore dell’Argentina, a buon intenditor …

Menu