Virgo: individuata una “catastrofe cosmica”, si aspetta un flash nel cielo

Era il 14 Agosto 2017 quando LIGO e Virgo rivelarono onde gravitazionali causate dalla fusione di due buchi neri. Per la prima volta i due osservatori gravitazionali LIGO (Hanford e Livingston) e l’osservatorio Virgo di Cascina lavorarono insieme riuscendo così a localizzare con precisione la fonte delle onde gravitazionali.

A due anni di distanza i tre interferometri sembrano aver di nuovo individuato una catastrofe cosmica“: questa volta però si tratterebbe dallo scontro di una stella a neutroni con un buco nero (l’evento non è ancora confermato ma le stime indicano una probabilità del 99%). L’evento registrato sotto forma di onde gravitazionali è avvenuto il 14 Agosto alle ore 23.10, in quell’esatto momento lo spazio-tempo si è compresso e dilatato per distanze inferiori a milioni di volte il diametro di un atomo.

L’onda gravitazionale rilevata porta con sé una notevole mole di informazioni in primis a riguardo dei due oggetti coinvolti. I due oggetti in questione (buco nero e stella a neutroni) si sono fusi dopo aver compiuto un “vortice mortale” che si è concluso con la fusione dei due. La loro enorme densità ha fatto sì che i due oggetti avvinghiati in questo vortice increspassero lo spazio-tempo, ed è proprio questa increspatura che i tre interferometri hanno rilevato.

Ma il fatto eccezionale di questo evento è che tutti gli astronomi si aspettano di vedere un flash nel cielo. Infatti a differenza di quanto avviene per una fusione tra buchi neri che non emette alcun segnale elettromagnetico, in questo caso parlando di stella a neutroni si attende proprio di osservare la controparte elettromagnetica dell’evento esattamente come era successo nel 2017 per la fusione di due stelle a neutroni.

Adesso quindi tutti i telescopi del mondo sono puntati verso un preciso punto del cielo individuato dai tre interferometri che si ritiene essere fonte del segnale gravitazionale alla ricerca della sua controparte elettromagnetica.

Andrea Pratelli – VTrend.it

© Riproduzione riservata

Localizzazione della fonte delle onde gravitazionale rilevate

 

Category: Cultura & Scienza
Menu